Il ridimensionamento di Renzi, l’impetuosa crescita di Salvini e la frattura del corpo elettorale

I nostri monitoraggi della prima settimana di dicembre confermano le tendenze rilevate ormai da oltre un mese:

  • continua a scendere la fiducia degli elettori in Matteo Renzi, che si attesta al 40%, confermandosi comunque il leader politico più gradito nel panorama nazionale;
  • il Presidente Napolitano si conferma figura di garanzia, con una fiducia stabile al 39%;
  • Salvini prosegue la sua scalata, con una fiducia che raggiunge il 26% e si traduce in consenso elettorale per la Lega Nord, ormai in doppia cifra, trainando il resto del centro destra (anche Berlusconi da 2 settimane sta recuperando fiducia);
  • la “stanchezza” di Beppe Grillo è evidente e attualmente è sceso al 14%, giocandosi la posizione di coda con Alfano.

 

Pagella_5dic_G1

 

Segmentando l’elettorato in base alla propensione a recarsi in futuro a votare, emerge un’evidente divaricazione tra il segmento degli elettori partecipanti, che tributano un ampio credito al premier, e l’area dell’astensione, in preoccupante aumento, che mostra una generale diffidenza rispetto a tutti i leader politici, Matteo Renzi compreso.

 

Pagella_5dic_G2

 

 

 

Dati tratti dall’Osservatorio Politico Nazionale (edizione del 5/12/2014) realizzato dall’Istituto Ixè per Agorà-RAI 3.

2 thoughts on “Il ridimensionamento di Renzi, l’impetuosa crescita di Salvini e la frattura del corpo elettorale

Comments are closed.

© 2013-2015 Istituto Ixè S.r.l. - C.F. e P.IVA 01238270324