Il voto ha età

Nelle ultime settimane le intenzioni di voto degli italiani si presentano piuttosto stabili. Al netto di una ridotta propensione al voto (affluenza ottimistica: 58,5%), le dichiarazioni dei votanti infatti confermano:

  • il primato del PD (34,0%), che sembra aver arrestato la pesante emorragia di voti rilevata nei mesi scorsi,
  • la buona salute del Movimento 5 Stelle (22,5%),
  • la leadership del centro destra alla Lega Nord (15,0%).

 

GR_VotoEta1

 

Analizzando le dichiarazioni di voto rispetto all’età degli elettori, si evidenzia:

  • il tradizionale radicamento nei segmenti più anziani del PD, che invece fatica tra i più giovani e mostra particolare debolezza nella fascia centrale (45-54 anni),
  • una discreta trasversalità della Lega Nord, che tuttavia mostra un consenso più spiccato proprio tra i 45-54enni,
  • una gabbia anagrafica del Movimento 5 Stelle, che non riesce ad affermarsi tra gli ultrasessantacinquenni.

GR_VotoEta2

Dati tratti dall’Osservatorio Politico Nazionale (edizione del 10/7/2015) realizzato dall’Istituto Ixè per Agorà-RAI 3

© 2013-2015 Istituto Ixè S.r.l. - C.F. e P.IVA 01238270324